Archive for maggio 2014

kennsington-palace-gardens-london-1024x509According to Knight Frank, – the leading seller of £5m-plus homes in the capital, between March and April in the past year, super-prime London prices recorded 42th monthly increase; on the basis of data published by Zoopla.com prices in the City are around £10.000 sq ft, for a small terraced house you can pay until £14.000. In the City of London (Notting Hill, Kensington e Chelsea) housing price is on average £14.500 sq ft and, considering the whole town the housing average cost is £592.000.

London’s housing – be it for owners or for tenants – is a sphere of growing inequality and unaffordability. Housing in the capital city is the most expensive in the country, there are more households than dwellings, an increasing number of potential households cannot form because of the extent of housing pressure and there is far more overcrowding than elsewhere.

Last month The Observer published an article by Alex Preston about most exclusive homes in London. The British journalist made up a detailed cover story about a wealthy godmother looking to relocate from Paris in the wake of François Hollande’s punitive tax increases, in order to visit some luxury properties on sale. Except “Lego house” in Bishops avenue – 21,000 sq ft with seven bedrooms, 2-bed staff cottage and a 0.75 acre park selling at £40m – the two other  properties Person visited are in Kensington, which is regarded together with Chelsea as the ghost town of the super-rich, a definition that underlines the “buy to leave” phenomenon where super-rich overseas buyers purchase prime London properties with little or no intention of using them as anything other than growing investments.

Kensington palace gardens, flanked by big plane trees and dotted by gun-toting guards in front of every gate, is the most expensive street in London (and one of the more expensive in the world) to buy a house. Too large for a single owner, the houses of this street were turned over time into embassies and consulates and only in recent years Kensington Palace Garden has started being recolonised by private owners: three years ago Roman Abramovich bought the former home of the Russian ambassador for £90ml; another house belongs to the king of steal, Britain’s richest men, who also purchased two more houses there for his two sons, now owning a total value of £500m in the street.

Less than ten minutes walking from there, hidden behind a corner, you can find a tiny street which, in spite of retaining the word gardens in its name, shows a totally different environment. When one walks over there is thrown into a sort of “Neapolitan suk”: unrefurbished houses, falling plasters, a flourish of unmodernized guest houses and also a few brothels surviving in spite of everything.

Here, nothing is left of the grandeur of  Kensington Palace Gardens, except for the tiny Armenian embassy, almost hidded and  indistinguishable among the other houses of the street

Since some month, in this street lives I., a well-read Italian lady with a flâneur attitude, who ten years ago, as in a sort of gamble as it is buying a house in London, invested an inheritance here and now that her children are grown up has moved in one of the two little flats she had purchased in the capital.

In this Victorian terraced house with a leaking roof, she lives together with the owners of the other flats:  a penniless Serbian girl who never pays the common bills, a Chinese gentleman who has just bought the ground floor apartment, a couple – an American lady and a very British landscape architect – who also own a cottage in the countryside and use the Kensington flat just as a pied-à-terre and, in the basement flat,  a teacher of economics at Birkbeck University.

In the last five years I.’s 430 square foot little flat almost doubled his value and, thanks to Russian and Chinese billionaires coming, the property market bubble is still growing. With the rent of the other apartment, at London I. not only can afford to live in London without working, but she can also pay the fee  for a master degree in one of the best university in the city.

Owning a flat in London is like finding a gold mine – she told me when I interviewed her for the alternative housing project I’m carrying out for the London School of Economics. You can realise it when walking or taking a drive through Kensington, where British owners are becoming rare, being replaced by foreign investors, at present mainly Chinese and Russian, who leave their properties empty for most of the year.

Its description Preston’s article, where he says that in 2013 85% of new houses in London were sold to non-UK buyers and in Kensington unoccupied houses increased by 40 percent only last year.

Both The Observer’s article and what I. told me have drawn my attention on a few more aspects of London’s housing habits. First of all the “underground” environment: I. says that the British willingly extend their houses downward creating subterranean worlds where they live in the dark, which is quite a natural habitat in a City where ‘commuters’ spend much of their time on the Tube (the London Underground is the oldest in the world and also one of the most extensive). In his property surveys, Preston has been visiting underground swimming pools, cinemas, squash courts, libraries, dining rooms and dancing rooms, sport facilities and even golf play grounds simulators.

All this was confirmed by Preston’s estate visits, where he see swimming pools, cinema, squash courts, libraries, dining rooms and dancing rooms, sport facilities and even a golf simulator, all in the basement, all empty.

The emptiness and the silence of the Billionaires properties described by The Observer’s journalist contrasts with the noisy mood and thriving atmosphere described by I. for her street: on the one side the London super-rich who seek exclusive residences built to exclude, protected by ferocious security guards and insuperable gates, on the other side I. that lives in the town (and not above it) , goes shopping at Tesco, takes metro and bus and everyday knows people, “because life in London is the best you can dream in your life, you can have everything at hand and at the same time feel an absolute sense of freedom”

Unfortunately the colonisation of London by foreign investors has excluded everyday people from central London and nowadays the genuine character surviving in the I. narrow street seems to become rare.

[In the picture a air photo of Kensington palace gardens, the most expensive street in London]

soundtrack: Gucci Bag, Reema Major

 

 

Annunci

Read Full Post »

ilaria_dalla_finestra1Secondo Knight Frank, l’agenzia immobiliare che vende le case da più di 5 milioni di sterline, a Londra i prezzi delle case di lusso hanno registrato tra marzo e aprile dello scorso anno il 42esimo rialzo mensile; dai dati pubblicati da Zoopla.com i prezzi nella City viaggiano sulle 10mila sterline al mq, a Chelsea per le villette si arriva fino a 14mila. In media nella City of London (Notting Hill, Kensington e Chelsea) si pagano 14mila e cinquecento sterline al metro quadro e, considerando la città intera, il prezzo medio di una casa è 592mila sterline.

La casa a Londra, poco importa se in affitto o di proprietà, è un’ambito in cui si registrano una crescente disuguaglianza e esclusione: le case nella capitale sono in assoluto le più care di tutto il resto dell’Inghilterra e, oltre a questo, ci sono molte più famiglie che abitazioni disponibili, cosa che genera una forte pressione sul mercato e un affollamento preoccupante.

Il mese scorso The Observer ha pubblicato un articolo di Alex Preston sulle case per super ricchi a Londra. Internazionale lo ha tradotto nell’ultimo numero, così lo si può leggere anche in italiano. Il giornalista britannico si è inventato la storia di una zia ricca che vuole trasferirsi a Londra da Parigi perché Hollande ha aumentato le tasse per visitare alcune proprietà di lusso in vendita. A parte la “casa di Lego” di Bishops avenue – 1950 metri quadrati con sette stanze da letto più un cottage di due stanze per il personale e 3000 mq di parco al prezzo di quaranta milioni di sterline – le altre due visitate da Preston sono a Kensington, finita sulle prime pagine, insieme a Chelsea, come ghost town of the super-rich, una sorta di città fantasma perché non abitata da quei ricchi stranieri che lì hanno comprato casa come sicuro investimento redditizio, senza aver mai pensato di viverci davvero.

Kensington palace gardens, fiancheggiata da grandi platani ombrosi e punteggiata di guardie armate di pistole davanti ad ogni cancello, è la strada più cara di Londra (e una delle più care del mondo) per comprare casa. Viste le dimensioni esagerate delle residenze che vi si affacciano, col tempo la maggior parte si trasformarono da case in ambasciate e consolati e solo da qualche anno i privati hanno ricominciato a colonizzare la strada: Roman Abramovich tre anni fa ha comprato l’ex residenza dell’ambasciatore russo per novanta milioni di sterline e a Kensington palace gardens ci abita pure il re dell’acciaio Lakshmi Mittal, l’uomo più ricco d’Inghilterra, che lì ha comprato casa anche per i suoi due figli, per un valore complessivo di oltre cinquecento milioni di sterline.

Dieci minuti a piedi, nascosta dietro un angolo, arrivi in una stradina che sempre gardens ha nel nome, ma nella quale, entrandoci, vieni catapultato in atmosfera da “suk napoletano”: case non ristrutturate, intonaci cadenti, un fiorire di anacronistici affittacamere e pure qualche bordello clandestino che ancora resiste. Della grandeur di Kensington palace gardens non rimane nulla, se non la piccolissima ambasciata armena, mimetizzata tra le case tanto da dare l’impressione di voler quasi nascondersi.

Da qualche mese in questa stradina ci abita I., una colta signora italiana con una passione da flâneur, che una decina di anni fa ha deciso in una specie di gioco d’azzardo qual è comprare casa a Londra di investirvi un’eredità e adesso che i figli sono grandi si è trasferita in uno dei due appartamentini che possiede in città.

Oltre a lei, in questa casetta vittoriana col tetto che perde, ci abitano una ragazza di origini serbe senza un quattrino che non paga mai la pulizia delle scale, un signore cinese che ha appena comprato un appartamento, una coppia – lei americana e lui architetto very british – che hanno una casa in campagna e usano come pied-à-terre l’appartamento padronale di Kensington e letteralmente nel seminterrato un’insegnante di economia della Birkbeck University.

L’appartamentino di 40 mq di I. negli ultimi cinque anni è raddoppiato di valore e la bolla immobiliare, con l’arrivo dei russi e dei cinesi, sta ancora crescendo. Con l’affitto dell’altro appartamento, a Londra I. non solo può permettersi di non lavorare, ma pure di pagarsi un master in una delle migliori università della città.

Possedere una casa a Londra è come aver trovato una miniera d’oro – mi dice I. che ho intervistato per il progetto di alternative housing che sto facendo per la London School of Economics, e lo capisci bene girando per Kensington dove ormai gli inglesi non ci abitano più: al loro posto stranieri, moltissimi asiatici, che comprano case come investimento e ci vengono solo ogni tanto, in vacanza, lasciandole vuote per la maggior parte dell’anno. Queste informazioni tornano anche nell’articolo di Preston, dove si dice che l’85% delle nuove case di Londra nel 2013 è stato venduto a compratori non britannici e che a Kensington le case vuote siano aumentate del 40 per cento solo nell’ultimo anno.

Tra l’articolo dell’Observer e il racconto di I. mi fanno riflettere anche altre cose. Intanto la dimensione del “sottoterra”: I. mi dice che le case gli inglesi le ampliano volentieri verso il basso, così che sotto la strada c’è un altro mondo, fatto non solo di viaggiatori (la metropolitana di Londra è la più antica del mondo e anche una delle più estese) ma anche di persone che lì, al buio, ci vivono. Tutto confermato dalle visite immobiliari di Preston, che descrive piscine, cinema, campi da squash, biblioteche, sale da pranzo e da ballo, palestre e pure un simulatore di golf, tutto nel seminterrato, tutto vuoto.

Un’altra cosa curiosa è appunto il vuoto e il silenzio raccontato dal giornalista dell’Observer in queste residenze per miliardari contrapposti all’atmosfera chiassosa e verace vissuta da I. poco distante: da una parte i super ricchi che cercano residenze esclusive costruite per escludere, protette da feroci guardiani e da cancellate insormontabili, dall’altra parte I., che nella città (e non sopra la città) ci vive, va a fare la spesa da Tesco, si muove con l’autobus e la metro e conosce persone, “perché la vita a a Londra è il massimo che si possa chiedere all’esistenza, con tutto a portata di mano e contemporaneamente un assoluto senso di libertà”.

Peccato che la colonizzazione di Londra da parte di investitori stranieri abbia escluso la gente comune dal centro della città e che il carattere e il senso di comunità che ancora resiste nella piccola stradina di I. sia fortemente minacciato.

 

colonna sonora: Gucci Bag, Reema Major

Nota: nella foto, una vista dalla finestra dell’appartamento di I.

 

 

Read Full Post »

polonio_benvenuto_all_languagesCon la primavera è risbocciato anche Bembo, dopo il letargo invernale in cui sembrava essersi dissolto. Bembo, età variabile e altezza leggendaria, è l’amico invisibile di Michi, comparso un paio di anni fa nella vita della famiglia Pitton e da allora ciclicamente presente. Tra l’altro abita pure vicino a casa nostra, in una grande casa gialla e quando ci passiamo davanti Michi in automatico tira fuori dalla tasca dei pantaloni il suo telefonino immaginario (ne ha anche uno vero, di pietra, design minimal e batteria illimitata, che però per ragioni di peso non si porta sempre appresso) e si immerge in una conversazione ad alta voce fatta di domande e risposte a domande immaginate in sequenza logica, come se avesse sotto il copione di un film d’autore mentre invece sta improvvisando un dialogo da cineasti francesi che ti tengono incollato allo schermo senza che nel film succeda niente, solo con le parole.

Michi è un ammaliatore con la parola, ti coinvolge, è teatrale, empatico, divertente. Quando racconta una storia la faccia gli si fa più allungata, le labbra si stringono, la lingua gli sbatte diversamente sui denti e la “esse” gli esce ipnotica, mentre nei suoi occhi appaiono le scene del racconto e le mani teatrali sembrano davvero dargli forma.

Il parco Amendola era pieno di margherite quando Michi ha ricominciato a parlare di Bembo, con naturalezza, come succedeva prima: una volta all’uscita dall’asilo mi ha detto che una sua compagna gli aveva fatto lo sgambetto e Bembo lo aveva preso tra le braccia senza farlo cadere, un’altra volta mi ha chiesto il cellulare perché il suo era scarico e doveva chiamare Bembo per invitarlo a cena, un’altra volta ancora mi si è avvicinato trascinando i piedi, con le spalle strette, gli occhi bassi e la voce triste per dirmi che Bembo era all’ospedale che aveva preso un’infezione e stava molto male.

L’altra sera, ha preso un libro dallo scaffale rosso, si è seduto a letto tra i suoi fratelli, mi ha detto di accomodarmi di fronte che avrebbe letto lui una storia prima di dormire. Dopo essersi schiarito la voce ha iniziato con il tono fiabesco del “c’era una volta” con cui iniziano tutte le favole che si rispettino, una sequenza di frasi incomprensibili, utilizzando sapientemente le pause tipiche della punteggiatura, comunicando con il tono della voce i momenti più drammatici del racconto e sfogliando ritmicamente le pagine, una ad una, fino alla fine, quando ha chiuso il libro. Dopo una pausa di silenzio lunga come i titoli di coda, Dadi ha detto “Io non ho capito tanto bene, la rileggi?”. E Michi ha risposto “È della Polonia questo libro, il “polonio” me l’ha insegnato Bembo, perché sua sorella Dindi abita là”. Il “polonio” è una lingua strascicante, un misto tra l’inglese e il turco, che suona tipo “uordazzis trovaltrobug mapilotti vis rivedrostorgedew nouist labostori cavalot inch batus valtromis” e che ha una fonetica difficilissima, per la quale, mi sono convinta, sia necessario quel particolare movimento della lingua contro i denti che fa uscire la “esse” ipnotica e la ”u”sottile come una “i”. L’ho dovuto pure portare in biblioteca a cercare un libro in Polonio e lo ha pure voluto leggere ad alta voce alla bibliotecaria che effettivamente mi è sembrata se non del tutto ipnotizzata sicuro evidentemente rincoglionita dalla originale performance.

Stasera, dopo dieci giorni ininterrotti di letture in “polonio”, Michi mi ha detto che aveva stracciato e buttato via tutti i libri della Polonia e al mio piglio interrogativo ha risposto, citando il nostro amico anti-poeta, che “buttare è libertà”.

colonna sonora: Voices, Alice in Chains

 

Read Full Post »