Posts Tagged ‘sharing school’

IMG_1924L’Adriatico riempie per oltre 400 chilometri il finestrino del treno che da Bari viaggia verso nord. La potenza del mare più snobbato di tutto il Mediterraneo è tale a guardarlo di qua del vetro che sembra che da un momento all’altro lo possa sfondare, inondando violentemente il vagone.

Sto tornando a Modena dopo tre giorni di sharing school a Matera e non riesco a staccare lo sguardo da tutta quell’acqua. Vorrei invece essere calamitata dallo schermo del computer, per scrivere qualche pensiero volatile che mi gira per la testa, alimentato dalle parole che ho ascoltato nelle ultime ore. Ci provo rubando al mare sprazzi ondosi di attenzione, ne viene fuori un vortice torbido di schiuma, alghe e salsedine che disorienta chi vi si immerge. Niente a che vedere con le acque cristalline del mar di Sardegna, delle coste ioniche o delle isole dell’Egeo, ma ogni tanto per ritrovare la strada bisogna perdersi. Ecco le mie riflessioni ancora umide:

Non un rischio ma una certezza
Il rischio che la sharing economy venga interpretata in chiave Silicon Valley non è più un rischio, ma un dato di fatto. L’orientamento al mercato incarnato in modelli di business costruiti intorno a piattaforme informatiche che consentono di intercettare clienti altrimenti improbabili corrisponde a una lettura individualista della condivisione: la relazione qui è solo un mezzo, viene utilizzata appunto strumentalmente per ottenere maggiori profitti. Ragionare in questi termini porta a dividere e isolare, piuttosto che a condividere e a costruire reti. Più che la collaborazione viene favorita la competizione.

La sharing economy ormai una definizione in Italia ce l’ha
Non si tratta di dare giudizi di valore, perché il punto non è questo. Ma ritengo che continuare a insistere sulla mancanza di una definizione di sharing economy e intanto continuare a raccontare le storie di piattaforme come Airbnb, Blablacar o Gnammo abbia portato il grande pubblico a identificare la prima con le seconde. E questo sicuramente non fa bene allo sviluppo dell’economia della reciprocità, che è tutta un’altra cosa.

L’economia della reciprocità
L’economia della reciprocità è un modo di guardare la realtà, un berillo intellettuale come l’ha definita Zamagni che risponde a logiche di giustizia sociale, è fortemente radicata sui territori, attiva le persone per sviluppare relazioni e progetti comuni. A questo paradigma corrisponde una lettura inclusiva della condivisione, che incentiva la partecipazione e sviluppa modelli innovativi di sviluppo locale; modelli caratterizzati da civic collaboration, orientamento all’interesse generale, open commons, in cui, investendo in relazionalità, la bilancia si sposta dalla condivisione verso la collaborazione. È quello che alla sharing school ci hanno in parte raccontato Christian Iaione, che prova ad applicare alle città il metodo sperimentale sulla gestione dei beni comuni della Ostrom, e Flaviano Zandonai, che insieme a Paolo Venturi ha appena pubblicato un libro sulle imprese ibride: imprese sociali di capitale, cooperative di comunità, startup a vocazione sociale, società benefit che sviluppano modelli di innovazione sociale costruendo community hub intorno ai quali rigenerare valore.
L’economia della reciprocità è un filone di studi economici che affonda le sue radici nella tradizione italiana dell’economia civile, che a partire da Antonio Genovesi, vissuto a Napoli a metà del 1700, ha letto l’intera economia e società come una faccenda di cooperazione e reciprocità. L’idea del mercato come insieme di rapporti di mutua assistenza, dove le relazioni interpersonali sono il fulcro, è ritornata in auge alla fine del secolo scorso, dopo sostanzialmente “duecento anni di solitudine” tra economia e socialità, come ha ben argomentato Luigino Bruni nel suo libro Reciprocità. Dinamiche di cooperazione, economia e società civile.

Questione di rete
Tornando al nocciolo della questione, se il web 2.0 è stata la tecnologia abilitante per sviluppare la sharing economy, mentre questa cresceva, la virtualità della Rete ha contribuito a distruggerne lo spirito originario: i venture capitalists americani in questa storia sono solo gli acceleratori di un processo market-oriented iniziato dentro il Web, regolato dal principio del buying cheap and selling dear che è alla base di molti business model delle imprese simbolo della sharing economy, nel quale dietro alla ricerca del profitto si è perso per strada l’obiettivo di costruire reti reali di persone in carne ed ossa.
Basti pensare al dibattito intorno agli scarsi meccanismi di tutela del lavoro e al rischio di elusione fiscale che accompagna ultimamente la narrazione sulla sharing economy, sintomo di un mercato – per dirla con Zamagni, – incivile, escludente, che acuisce le diseguaglianze invece di combatterle.
Per costruire un mercato civile, in grado di dilatare gli spazi della civitas, bisogna tornare al territorio, attivare le persone che ci vivono, aggiornare il concetto di comunità e riscoprire la “coscienza dei luoghi”, come ci insegna con grande acume Giacomo Becattini nel suo ultimo libro.
Questo non vuol dire demonizzare Internet, anzi: le reti virtuali sono uno strumento chiave per sviluppare un modello di mercato civile, fintanto che rimangono ancorate al territorio; e questo sostanzialmente dipende dagli obiettivi che stanno dietro all’uso del Web.

Sostenibilità vs profittabilità
Nel confronto tra sharing economy e economia della reciprocità rientra anche il tema della sostenibilità: non si può infatti prescindere, in nessuno dei due casi, dal tema delle risorse, anche se anche su questo bisogna fare alcune distinzioni: la value proposition di Airbnb è accrescere la community per aumentare i profitti aziendali, quella dei Briganti del Cerreto accrescere la community per garantirsi la sostenibilità necessaria a generare valore sociale ed economico sul territorio.
È probabile che i venture capitalists, per la loro specifica mission, siano più portati a investire su Airbnb che sui Briganti del Cerreto. Quindi, come trovare le risorse che consentono anche alle imprese dell’economia civile di svilupparsi? La domanda meriterebbe risposte articolate (oltre a competenze molto più strutturate delle mie). Giusto per dare un piccolo contributo, lancio però una suggestione (per alcuni forse una provocazione) su questo punto: io penso che le risorse a favore delle imprese che co-producono valore sociale dovrebbero essere drenate da chi non produce valore sociale, secondo un sistema di tassazione progressiva costruito in base a un gradiente di impatto sociale. È la stessa logica di quei sistemi fiscali che ci ha illustrato Pigou strutturati per far pagare i costi ambientali ai soggetti che li producono, trasformando una quota dell’interesse individuale che determinati comportamenti producono nella tutela di benefici di carattere generale: in termini economici significa tassare che produce esternalità negative e sussidiare chi produce esternalità positive.
Provvedimenti di questo tipo non sono popolari perché si poggiano su una scelta esplicita e radicale di che cosa si vuole sostenere, che mal si adatta con lo spirito di mediazione e compromesso che contraddistingue l’azione politica, ma non per questo non possono essere proposti e sostenuti.

Il concetto di massa critica
Continuando il parallelismo, la massa critica ricercata da Airbnb è funzionale a far crescere il profitto. Per alimentarsi ha bisogno di riforme, con cui aggiustare il sistema vigente alle nuove declinazioni del modello capitalistico: la questione sulle regole sta infatti monopolizzando il dibattito mediatico sulle piattaforme di sharing.
La massa critica che vogliono coinvolgere i Briganti del Cerreto si differenzia per essere composta da persone con un volto e un’identità, e la scelta di strutturarsi in una cooperativa di comunità è emblematica di questo modello. La massa critica qui è funzionale alla creazione di un nuovo modello di convivenza, attraverso il quale avviare una trasformazione culturale della società. Sull’attualità della categoria politica della trasformazione, rispetto a quelle delle riforme e della rivoluzione tradizionalmente utilizzate in Europa per designare il cambiamento, mi rifaccio alle parole del filosofo Roberto Mancini che nel suo libro Trasformare l’economia spiega come “trasformare è diverso sia dal mero riformare un sistema per mantenerlo, sia dal cercare di abbatterlo con la violenza in un’epica giornata”.

Non solo forma
Potrebbe sembrare alla fine di questo ragionamento che la mia sia solo una questione formale, su quali termini sia meglio utilizzare nel dibattito italiano sulla sharing economy. Ma a mio parere la forma in alcuni casi diventa sostanza: nell’era dello storytelling raccontare la sharing economy non è più produttivo per sviluppare ecosistemi collaborativi in grado di produrre valore condiviso. Quindi se si vuole sostenere veramente la collaborazione e generare impatto sociale oltre che valore economico bisogna aggiornare il vocabolario: su cooperazione, mutuo aiuto, economia civile l’Italia può insegnare a parlare anche agli americani, gli inglesismi per una volta lasciamoli da parte.

colonna sonora: Telefonami tra vent’anni, Lucio Dalla (interpretata da Rocco Papaleo, Alessandro Gassman e Luigi Lo Cascio nel film Il nome del figlio)

Annunci

Read Full Post »